LE SFILATE IN DIRETTA STREAMING – MILANO FASHION WEEK: DAY 4

Philosophy di Lorenzo Serafini
Philosophy di Lorenzo Serafini autunno/inverno 2016

L’invito alla sfilata di Dolce & Gabbana ha monopolizzato il quarto giorno di Milano Fashion Week. Un foglio di carta azzurro piegato in due che emette dolci note musicali non appena lo si schiude, spalancando le porte alle principesse delle fiabe che prenderanno vita sulla passerella del Metropol, domenica, ore 2 PM. “I sogni son desideri” canta l’invito, e Milano – e il web tutto – non vede l’ora di immergersi nel #DGFabulousFantasy (ed io, che Domenico Dolce e Stefano Gabbana li amo da sempre, sto già sognando ad occhi spalancati).
È stato un sabato all’insegna del caos per la moda meneghina. Il temuto ciclone ha tardato ad arrivare, posticipando di qualche ora le piogge torrenziali che costringeranno le fashioniste a maratone sui tacchi e sotto gli ombrelli, ma ci hanno pensato gli stilisti a creare quel pizzico di frenesia che il fashion system adora.

Bottega Veneta autunno/inverno 2016
Bottega Veneta autunno/inverno 2016
Bottega Veneta autunno/inverno 2016
Bottega Veneta autunno/inverno 2016

Tomas Maier per Bottega Veneta propone una collezione dedicata alla donna matura: silhouette rilassate e rigore sartoriale si alternano in completi maschili tinti di viola, gonne plissettate in lurex abbinate a maglie di lana, tubini antracite decorati di pizzo nero, lunghi cappotti dalla linea pulita. Sono i materiali a fare la differenza – preziosi e raffinati – e i piccoli dettagli, come la borsa knot, che si amalgamano impeccabilmente nei look di una donna dalla intricata semplicità.

Blumarine autunno/inverno 2016
Blumarine autunno/inverno 2016

Petaloso è il termine da poco entrato nel dizionario della lingua italiana e trova subito una prima espressione modaiola nella sfilata di Blumarine in cui gli abiti fluidi dalla stampa floreale precedono sulla passerella del Palazzo Serbelloni le pellicce multicolori, gli abiti in pizzo nero che scoprono più di quanto dovrebbero ma non lasciano intravvedere nulla, mentre le maxi paillettes disposte a fasce di colore producono riflessi di luce in un grigio sabato milanese.

Antonio Marras autunno/inverno 2016
Antonio Marras autunno/inverno 2016
Antonio Marras autunno/inverno 2016
Antonio Marras autunno/inverno 2016
Antonio Marras autunno/inverno 2016
Antonio Marras autunno/inverno 2016

Dal caos nascono le cose più belle ed è proprio dal disordine che prende forma la donna di Antonio Marras. Immersa in un’atmosfera magica, con grandi vasche da bagno vittoriane usate come vasi, Adele Hugo come musa ispiratrice e il suo amore folle come filo conduttore dell’intera sfilata. Le modelle come attrici in una rappresentazione teatrale portano in scena personaggi femminili intensi. Vestite di nero e con gli occhi coperti di veletta, Antonio Marras propone una contaminazione di stili e materiali: il denim si veste di fiori, il broccato si stratifica con il cappotto in pelliccia costruito come un collage di trame a contrasto, le gonne a pieghe si tingono dei colori dell’acqua, le mani sono coperte da guantini in pelle sgargiante. I volumi diventano abbondanti, esagerati, quasi a sottolineare il crescendo di emozioni che conduce quella donna alla follia. Fino al finale, con Adele Hugo che viene trovata a vagare su una spiaggia, tradotta da Marras in una donna  dall’aria smarrita, con indosso un pigiama di seta stampata, che stringe attorno a sé coperta color sangue. L’Amour fou.

Philosophy di Lorenzo Serafini
Philosophy di Lorenzo Serafini 
Philosophy di Lorenzo Serafini
Philosophy di Lorenzo Serafini
Philosophy di Lorenzo Serafini
Philosophy di Lorenzo Serafini

“Ci vuole coraggio ad essere romantici oggi” e lo sa bene Lorenzo Serafini che chiude il suo primo anno al timone della linea che fu di Alberta Ferretti con una collezione spiccatamente femminile. Gli anni Ottanta si fondono al romanticismo bohémien per Philosophy di Lorenzo Serafini: le bluse in leggero pizzo color champagne si portano con pantaloni in vinile color ruggine; i mini dress sono costruiti di balze e lasciano scoperte le spalle; i deliziosi abiti in point d’esprit – elemento chiave dell’intera collezione – si colorano di azzurro e nero e bianco, stemperando la dolcezza del tessuto con alti stivali in pelle nera e profondi scolli a V delimitati di perle. Quando il romanticismo rinuncia al suo lato più sentimentale.

Jil Sander autunno/inverno 2016
Jil Sander autunno/inverno 2016
Jil Sander autunno/inverno 2016
Jil Sander autunno/inverno 2016
Jil Sander autunno/inverno 2016
Jil Sander autunno/inverno 2016

Sottrarre, togliere, eliminare. È questo l’inverno di Jil Sander. Tornare all’origine: linee pure ed essenziali, quasi asettiche. Scegliere la monocromia: tutto o bianco o tutto nero, nessuna via di mezzo. È il minimalismo allo stato puro, quello di Rodolfo Paglialunga: i volumi si appiattiscono, le gonne cadono dritte sotto il ginocchio, i cappispalla perdono di colore ma si arricchiscono di tagli puliti e sartoriali. C’è spazio solo per le superfici di vetro del cappotto silver e l’abito da sera in un luminoso rosa.

Ermanno Scervino autunno/inverno 2016
Ermanno Scervino autunno/inverno 2016

Raffinatezza ed eleganza; macramé e ricami in pizzo; mosaici usati come pattern per i completi maschili; cappotti animalier e un tocco di giallo: è l’estrema femminilità della donna di Ermanno Scervino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...