AUGUST IN THE CITY – CON UN MAXI DRESS

Candela Novembre in maxi dress Antonio Marras
Candela Novembre in maxi dress Antonio Marras

Lo so, fa caldo. C’è afa. Preferireste stare distesi su un lettino in riva al mare a sorseggiare té al limone ghiacciato e sfogliare riviste e pensare al nulla che non c’è cosa più bella di sposare la filosofia del carpe diem in vacanza e lasciarsi guidare dall’istinto e quel pizzico di sana follia. Ma siamo in città – io dispersa nell’interland del paesello – con una nuvola minacciosa sulla testa, l’umidità al sessantadue per cento (sessantadue – pensate alle condizioni dei miei capelli!), l’agenda ancora piena di cose da fare, la valigia per le vacanze da riempire (la mia quest’anno resterà vuota, c’est la vie!) senza sforare il limite massimo dei 20 kilogrammi o poco più che già con scarpe e maxi bijoux è largamente oltrepassato. Ci serve un’idea. Un pensiero che distolga la mente dalla banale routine. Un momento di evasione prima del pranzo della domenica con l’intera famiglia allegramente radunata attorno al tavolo imbandito – che poi vorrei sapere come facciano i miei parenti a mangiare con questo caldo! Ci serve qualcosa che ci porti sul litorale, lontano dal mare e dalla sabbia e dal rumore delle onde che ci culla durante la siesta pomeridiana. Quell’intuizione capace di stampare un sorriso beato sul volto almeno per qualche ora (si, ho imparato ad accontentarmi di poco e godere dei miei sogni – che mia nonna mi ha sempre definita una ragazza strana!).

Ho trovato: ci serve un maxi dress!

Anna dello Russo in Dolce & Gabbana stampa maiolica
Anna dello Russo in abito stampa maiolica e box bag a tema carretto Dolce & Gabbana, sandali alla schiava Valentino. J’adore!

Perché per me, l’estate, è anche questo. Un vestito lungo che accarezza l’asfalto rovente e fluttua leggiadro sui timidi accenni di vento. Una stampa allegra e colorata che ti fa sentire ai Caraibi ma dall’altra parte del mondo. Le maioliche della cucina della nonna usate come pattern sugli strati di seta. Le cartoline di quei piccoli tesori che il Bel Paese ci regala, ripetuti come mosaici decorati sul lieve chiffon. L’abito bianco che in attesa del principe azzurro (o sceicco arabo, che anche i nobili devono adeguarsi ai tempi) facciamo le prove per non farci trovare impreparate. E l’effetto see-through che quel white dress regala con le solite domande ad amiche e sorella prima di metter piede fuori di casa – Ti sembra trasparente? Si vede qualcosa? – e dovremmo capirlo un giorno che se compriamo un vestito bianco non possiamo aspettarci che copra le gambe (che poi cosa vuoi che si veda se non due gambe velate che mostri ogniqualvolta indossi una mini skirt? Spesso sembriamo così puritane che persino una suora si scandalizzerebbe dinanzi a cotanta pudicizia!). Del pizzo traforato, dei pois stampati, il lino fresco e stropicciato, uno chemisier annodato in vita, i volants appuntati sulle spalle. E poi sandali bassi e allacciati alle caviglie, tacchi killer per le più audaci, ballerine a punta e espadrillas e sneakers sportive per sdrammatizzare il maxi dress in questa calda, rovente estate. E il sorriso stampato sul volto che come diceva Audrey è il miglior accessorio che una donna possa indossare – almeno fin quando non trova marito!

Viviana Volpicella in
Viviana Volpicella in “estivissimo” (lo so che non si dice!) Vita Kin dress con maniche a campana e nappine ciondolanti, Ray Ban, neri, mega sorriso e capelli increspati (perché anche le icone di stile non sono indenni al “dio crespo”)
Fashionistas milanesi
Fashionistas milanesi in lungo abito di cotone azzurro e maxi gonna bianca
Eleonora Carisi
Eleonora Carisi in abito laser-cut di Valentino (lei è una da imitare)
Candela Novembre ancora in Antonio Marras stavolta a pois
Candela Novembre ancora in Antonio Marras stavolta a pois e sandali Sergio Rossi (un’altra da imitare)
Tina Leung in versione runner in abito lungo animalier
Tina Leung in versione runner in abito lungo animalier
Anna dello Russo in abito di chiffon Chloé
Anna dello Russo in abito di chiffon Chloé e stessi sandali alla schiava Valentino (l’arte del riciclo contagia tutti!)
Hanneli Mustaparta in abito stampato Valentino (questo è un vestito che indosserei dall'alba al tramonto passando per la notte, cambiando giusto un paio di accessori e alternando flats & high heels... Magari fosse mio!)
Hanneli Mustaparta in abito stampato Valentino (questo è un vestito che indosserei dall’alba al tramonto passando per la notte, cambiando giusto un paio di accessori e alternando flats & high heels… Magari fosse mio!)
Miroslava Duma in chemisier in lurex di Chanel (non sono sicura che sia haute couture, nel dubbio sappiate che è comunque una creazione di Kaiser Karl)
Miroslava Duma in chemisier in lurex di Chanel (non sono sicura che sia haute couture, nel dubbio sappiate che è comunque una creazione di Kaiser Karl)
Modella per le vie cittadine in blu
Modella per le vie cittadine in blu (Valentino?)
Sasha Pivovarova in lungo chemisier in lino bianco no brand
Sasha Pivovarova in lungo chemisier in lino bianco no brand (una che delle trasparenze se ne frega)

Photo credits: theurbanspotter; styledumonde; style.com

Annunci

4 thoughts on “AUGUST IN THE CITY – CON UN MAXI DRESS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...