LE MODE CAMBIANO, VALLI E SANREMO NO

image

Le persone cambiano e la moda segue quelle mutazioni. Si adatta, si modella, assume nuove forme. Accorcia le gonne o le allunga, e taglia le giacche li dove dovrebbero coprire, e prolunga le maniche che dovrebbero restare nude. Le tendenze si susseguono così come fanno le stagioni e, a volte, durano anche meno di quei quattro mesi che si succedono ciclicamente. Evaporano in alcuni giorni, o poco più. Il tempo di una settimana della moda che eleva la sneaker a rango di scarpa da giorno e sera e notte e mattina presto e corsa al parco e shopping in centro e cena con le amiche e passeggiate al tramonto. L’attimo davanti all’armadio, a cercare l’abito giusto, prima di raccogliere dal pavimento la – sua – camicia, bianca e stropicciata, e annodarci sopra un foulard che evoca una – sua – cravatta e abbinarci un tacco di quelli impossibili da portare per un’intera serata ma perfetti perché due braccia ti sorreggeranno quando il volume del rumore sarà troppo alto e i piedi avranno voglia di toccare l’asfalto. Le mode cambiano con la stessa rapidità con cui chiudiamo Whatsapp quando appare la scritta online e finalizziamo un acquisto via web e ci innamoriamo di Chanel una volta e un’altra ancora.

Eppure ci sono alcuni punti fermi nella moda, e quelli non varieranno mai. Un blazer blu, vintage, dai bottoni dorati e le spalline appuntite. Una flap nera in morbida pelle, con la doppia CC. Il Dolce & Gabbana dei diciotto anni che non avrai più il coraggio di indossare ma sai che esiste, è nel tuo guardaroba, e ti starà sempre d’incanto. Come quella sera in cui – tu – eri la regina indiscussa della festa.

E poi c’è Giambattista Valli ed il red carpet e non ricordo un tappeto rosso senza un suo abito che mi abbia affascinato e stupefatto e meravigliato di quella sana magia che si riserva solo alle cose belle. Perfette. Appariscenti e forse ridondanti. Ampollose anche. Ma eteree, fugaci meteore in un cielo scuro. Come Keira Knightley in Giambattista Valli couture e Rihanna sempre in Valli che se mai dovessi calpestare un tappeto rosso – non vale quello di casa! – io sceglierei lui. E magari abbinerei il chiodo di pelle nera all’abito in chiffon ricoperto di rigogliosi fiori, come ha fatto Keira, con quel capello mosso, scomposto ma ordinato. Malva sulle labbra e sugli zigomi. Senza eccessi e senza azzardi, perché da sempre il less è anche more. O forse mi cullerei nella soffice nuvola di tulle rosa e mi lancerei in una lenta danza solo per la gioia di far volteggiare quegli innumerevoli strati di trama finissima. Osando, con le forme ed i colori ed i volumi vaporosi ed esagerati. Eccedendo, li dove tutto è concesso. Anche vestirsi di un rosso Tom Ford, come Julianne Moore.
E mentre gli americani hanno i GRAMMYs e gli inglesi i BAFTAs, a noi italiani non resta che un plebeo Sanremo, il Festival della Canzone in cui le note stonate che destano attenzione non sono melodie ma outfit sbagliati. Se non fosse per Rocio Morales che ha portato una ventata di alta moda nel regno dei caftani e tagli strani. Con Armani Privé e quella nuvola di tulle e paillette e pois che se valletta deve essere, che sia bella, frivola e ben vestita. Spagnola o italiana poco importa, tanto ci pensa Re Giorgio a disegnare quanto basta per pennellare di glamour il palco dell’Ariston.
Perché se un Valli si riserva ai tappeti rossi hollywoodiani e alle celebrities internazionali, non ci resta che rifarci gli occhi con il Made in Italy di Giorgio Armani.

Rihanna in un meraviglioso Giambattista Valli couture ai GRAMMYs
Rihanna in un meraviglioso Giambattista Valli couture ai GRAMMYs
image
Keira Knightley – e marito – ai BAFTAs in un’oasi floreale di Giambattista Valli haute couture e chiodo in pelle e décolleté Paul Andrew
image
Rocio Munoz Morales in Armani Privé a Sanremo

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...