SIAMO TUTTE UN PO’ OCHE

image

Siamo tutte un po’ oche. Di lunedì mattina, urla rivolte alla sveglia che si fa sentire nel bel mezzo di un sogno che si trasformerà presto in un incubo. Assonnate e affamate, alla ricerca del tempo smarrito durante quegli attimi troppo lunghi trascorsi tra le lenzuola calde nella stanza buia.image

Siamo tutte un po’ oche. Urlanti e starnazzanti di fronte alla zip del tubino che non sale e al bottone del jeans che fatica a chiudersi. Davanti ad uno stiletto in vernice da aggiungere alla lista degli altri innumerevoli tacchi lasciati li, nella scarpiera, a raccogliere polvere. E per la pelliccia ecologica dannatamente bella ma così esageratamente oversize che dovrebbero capirlo che esistono figure esili, non dotate di décolleté, e che non riescono in nessun modo a riempire neppure una XS.image

Siamo tutte un po’ oche. In preda al panico per un invito che arriva all’ultimo momento, quando eri già con la mente alla scelta del film per trascorrere la serata sul divano tra il plaid e una copia di Vogue, la cioccolata calda e qualche biscotto. E inaspettatamente ti ritrovi a dover creare un outfit che sia quanto meno presentabile, in meno di un’ora, con l’unica, imprescindibile frase che ronza nella mente di fronte all’armadio stracolmo ma completamente vuoto: “Non ho niente da mettere!”. Che si sa, noi donne siamo sempre indecise su tutto e fin quando non saliamo in macchina, ci sarà sempre un momento per cambiare idea. Ed abito.image

Siamo tutte un po’ oche. Stupide e sciocche perché crediamo alle favole, al principe azzurro e alla fata turchina. Quando seguiamo il Bianconiglio nel paese delle meraviglie in cui Presto che è tardi! sarà il mantra da ripetere incessantemente, un po’ come nella vita vera. Quando ci affidiamo all’istinto senza ascoltare la voce della ragione che frena gli animi ma non sbaglia. Quasi mai.image

Siamo tutte un po’ oche. Giulive e imbarazzate in risposta ad un complimento troppo sfrontato per sembrare reale. Frivole, che prendersi sul serio non è mai un bene. Per se stessi e per gli altri. Superficiali all’apparenza che inganna come le camicie di Zara che sembrano seta ma il contenuto è sempre 100% poliestere. Come un bell’abito coperto di lustrini e paillettes che non fa il monaco ma contribuisce a creare l’illusione affascinante, coinvolgente. Ingannevole. image

Siamo tutte un po’ oche. Libere di vedere, sentire, sperimentare. Vivere le situazioni come meglio crediamo. Desiderare, illuderci, sbagliare. Volare verso mete ambiziose ma pur sempre raggiungibili.

image

Siamo tutte un po’ oche. Ma non per questo dobbiamo essere private delle nostre piume nel più barbaro dei modi ed assistere impotenti alla soppressione dei nostri sogni. Perché noi oche, anche se impacciate e goffe e disturbatrici lotteremo sempre per il nostro posto nel mondo. A costo di vedere il nostro fegato esplodere e ridotto in brandelli da servire caldi.image

Alle oche, a quelle vere e a quelle che si atteggiano come tali.

Una buona settimana!

Annunci

4 thoughts on “SIAMO TUTTE UN PO’ OCHE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...